Categorie
Eventi

Danze meditative in cerchio

Danze meditative in cerchio

  • Mercoledì 16 Settembre ore 10.30
  • Mercoledì 30 Settembre ore 10.30

*Presentazione gratuita*

Conduce Samanta Beccari, ricercatrice nell’arte della danza, in cammino nella formazione delle Danze meditative in cerchio con Joyce Dijkstra.Aperto a tutti, uomini e donne, non serve avere esperienza nella danza!

Prenotazione obbligatoria, max 10 persone

Informazioni e iscrizioni:

  • Samanta: 3488562298
  • samanta.life75@gmail.com


Fondatore di questa forma di meditazione è
Bernhard Wosien, nato in Prussia nel 1908 e morto nel 1986. È lui che dobbiamo ringraziare per averci riproposto la “meditazione della danza”, una vera e propria preghiera senza parole, partendo dalle più antiche forme di danza in cerchio.La forma del cerchio è un antichissimo simbolo di unità, che aiuta a creare un ambiente sicuro e favorevole ad un processo di “guarigione interiore “. Quando si utilizza il cerchio nelle danze meditative, i partecipanti si collocano in forma circolare e si muovono in cerchio uno accanto all’altro, generalmente prendendosi per mano.
L’energia del gruppo è trattenuta e questa concentrazione produce una carica di energia che colma il gruppo. Il movimento è un’espressione tanto naturale della vita umana quanto lo è il
respiro, e come le forme simboliche serve a manifestare fisicamente i nostri talenti ed aspirazioni. I nostri movimenti, attraverso la danza, possono rappresentare la natura, il passato, il presente, il futuro, l’esteriorità, l’universalità, le diverse qualità come: il coraggio, la determinazione, la certezza, la fiducia, l’armonia, l’equilibrio, la pace, la leggerezza, la generosità, la compassione, l’unione con l’ altro, ecc.
Mentre danziamo ci uniamo energeticamente a tutta la popolazione del pianeta e fissiamo le basi per un mondo di pace e armonia, accettando e celebrando la nostra unità con ogni forma di vita.Grazie alla sua struttura,questa forma di danza rappresenta un aiuto alla meditazione: danza e meditazione, collegandosi in un’ unità, offrono alla persona una possibilità concreta di avvicinarsi al proprio sé.